I Titoli migliori dell’anno.

L’anno appena passato è stato un buon periodo per l’editoria mondiale. Nuovi talenti hanno debuttato proponendoci delle opere memorabili e racconti eccellenti, che verranno ricordati per molto tempo.
Senza dilungarmi ulteriormente, vi elenco qui di seguito i migliori libri usciti nel 2018 che meritano di essere letti o almeno esposti nella propria libreria:


L’Illustre professore dell’Università di Segavate sul Mona spiega in modo semplice e definitivo un metodo efficace per smettere di mangiarsi le unghie e diventare finalmente una persona normale, anche se menomata.



L’Autore di questo volume possiede il rimarchevole difetto di essere molto pigro, per vuole diventare uno scrittore di successo, cosi ordina al suo Google Home di scrivere, per lui, un racconto. Questo libro infatti è il frutto di un profondo dialogo tra l’uomo e l’intelligenza artificiale che umanizza in maniera lucida le nuove tecnologie, ancora acerbe di contenuti, proponendoci un futuro incerto piastrellato di domande senza risposta o approssimative.



Racconto immortale, profondo, incredibilmente devoto di Modavvo che ripercorre in chiave religiosa la parabola della moda e del mondo fashion, evidenziando quanto spietato e incostante possa essere Satana, nel scegliersi personalmente il proprio abbigliamento infernale.



La chiave per aprire lo scrigno che custodisce una intelligenza superiore è nascosta molto bene, all’interno dei numerosi portali Hard presenti su internet. Questa guida vi aiuta nella sua ricerca difficoltosa, che si snoda su un sentiero variegato e ricco di persone incredibilmente dotate.


La speranza è l’ultima a morire.
Questa frase è il motivo principe che si ripete in ogni capitolo del libro. La vita può essere ingiusta e questo non deve costringerci a deprimerci quando facciamo errori o imprudenze. Riconquistate la vostra vita e uscite dalla vostra malsana assuefazione da sostanze pericolose, saltando con fiducia in altre dipendenze all’apparenza meno dannose, però ugualmente debilitanti.


L’amore può essere un tormento che non ti lascia più, penetra dentro il tuo cuore e piegarti in due dal dolore, trascinandoti in una profonda tristezza che sembra infinita e buia, come in una notte dove non c’è un cazzo da guardare in tv.
Cadi in un baratro di acrimonia e nuoti nel fango dell’apatia, poi arriva Tania Marchetta e diventa la trombamica che ti salva la vita.
Una storia sentimentale come tante altre, scritta con il cuore e l’open office.


In un tempo lontanissimo, quando noi eravamo dei semplici primati e vivevamo sugli alberi, i Chihuahua erano animali feroci e pericolosi. Terribili a tal punto di arrivare primi nella piramide alimentare, superando carnivori e vegani.
Un periodo florido per i Chihuahua descritto accuratamente in questo saggio di 200 pagine, dove non mancano curiosità su questo piccolo e simpatica variazione di canide, che oggi ci diverte e passato era in grado di sbranare un Tirannosauro.



Le irresistibili parole di Luiggggggggi descrivono la metropoli partenopea come una meta obbligatoria per qualsiasi persona. L’autore consiglia nel modo più appassionato di visitare questa magica città, ricca di tradizioni e religioni.
Inoltre vengono segnalate alcune tappe obbligatorie da vedere almeno una volta nella vita come: Il Colosso di Rodi, la Bocca della Verità, la Piramide di Cheope, i Giardini pensili, Il Cristo Redentore e l’Edicola di Gioseppe. Quest’ultima non particolarmente famosa per il suo design o chissà quale altra caratteristica, bensì rinomata per la simpatia dell’edicolante.


Guida strategica al famoso gioco di Microsoft, ricca di spunti interessanti per esplorare questo fantastico mondo cubettoso e molti dettagli più intimi della sorella di un amico dell’Autore, conosciuta nel corso di una maratona di 56 ore per accumulare il maggio numero di Quarzi di Nether.


Il seguito del racconto fantasy:“La Giarrettiera di Muassassa” e del precedente:“Il Mestolo di Endorfans” facenti parte della famosa saga delle Cronache del Contadino Incarognito, iniziate con il libro:“La Maniglia di Yotrety” venduto in tutto mondo, esclusi i cinque continenti.
L’arco narrativo del Paladino Birumur trova nuovi e interessanti imprevisti che lo conducono verso la regione di Dremorah, abitata dagli infernali demoni Chulli, per ritrovare la preziosissima Spada forgiata da Minustrun, mastro nano fabbro, finita in fondo a un Dungeon dopo che l’ha persa in una partita a poker, contro il folletto Skritolor.
Riuscirà Birumur nella sua missione?
Lo scopriremo nel libro successivo che si intitolerà:“Il Mazzo di Skritolor”.

 


Un sentito ringraziamento va al sito Adobe Spark dove è possibile creare cover di ogni genere con pochi semplici click e in modo estremamente intuitivo.

Published by Fabio Basso

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.